Marina Baldini Casini parlando a un giornalista di Famiglia Cristiana ha detto che l'Italia sta vivendo un drammatico inverno demografico. Perciò " />

Verso gli stati generali della natalità: un figlio è sigillo di speranza e di futuro.

Marina Baldini Casini parlando a un giornalista di Famiglia Cristiana ha detto che l'Italia sta
vivendo un drammatico inverno demografico. Perciò non bisogna solo riflettere sugli  aspetti
economici e sociali ma anche sul valore in sé  di chi viene al mondo. Una
persona. Uno di noi. 

Ha poi aggiunto che è interessante che oggi si parli di denatalità quando non molto tempo fa in Europa vi era un grandissimo allarme per l'aumento della popolazione non supportato dalle risorse della terra. Oggi vi è una preoccupazione opposta: la denatalità le cui cause sono ravvisate nell' industrializzazione, nella società dei consumi, nella precedenza dell'affermazione professionale, nel rinvio di matrimonio e figli, nei problemi abitativo, occupazionale e nella crisi economica.

In entrambe le situazioni la motivazione è utilitaristica: il non poter garantire il cambio generazionale con tutta una serie di ripercussioni dannose a livello economico come investimenti, spesa pubblica,  previdenza,  sanità. Molti sono i suggerimenti ma nessuno parla dell'aborto. Dall'entrata in vigore della legalizzazione della"interruzione della gravidanza" ad oggi è stata impedita la nascita di ben sei milioni di bambini. Se oggi ci fossero solo la metà dei bambini abortiti la situazione sarebbe diversa. E a questo numero vanno aggiunti l'enorme numero di figli a cui  la cosiddetta "contraccezione di emergenza" ha tolto la vita.

Per cui se si torna alla radice del problema si può scoprire che la dimensione ultima è quella culturale: non può essere l'economia a salvaguardare gli equilibri sociali rispetto ai quali la vita nascente si pone come mezzo e non come fine. Bisogna riflettere sul valore del figlio che non è un mezzo per raggiungere altri fini ma un soggetto fine a se stesso: egli è titolare del diritto alla vita affidato ad un uomo e a una donna.








-



CAV CENTRO PER LA VITA SAVIGLIANO utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento