Il giornalista Laggia scrive la storia di Martina Camuffo

La storia di Martina Camuffo: "Sei incinta? E io ti assumo
lo stesso"



10/02/2017 Una donna giunta al
nono mese di gravidanza è stata assunta da un'azienda di Mestre. Il titolare,
Samuele Schiavon: "Non siamo nè eroi, nè benefattori. Martina è brava e la
vogliamo con noi".
Il fatto è semplice: un’azienda
veneta assume una donna a dieci giorni dal parto. E’ accaduto a Mestre: Samuele
Schiavon, 38 anni, titolare della “The creative way”, agenzia, con sede anche a
Padova, che si occupa di comunicazione e progettazione web,ha deciso di 
assumere Martina Camuffo, veneziana, 36 anni, pur sapendo che  è incinta.
La donna infatti, in un colloquio di due mesi or sono, aveva messo al corrente
l’azienda della novità. Pochi giorni fa Martina col suo pancione bene in vista,
s’è recata nella sede di Mestre e  ha firmato il contratto di lavoro. La
notizia ha fatto subito il giro dei media nazionali e dei social.  L’ha
ripresa addirittura l’ex-presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che su
Facebook scrive di aver chiamato l’imprenditore  “per ringraziarlo del bel
gesto”.  E la posta elettronica dell’azienda è stata inondata da
innumerevoli “grazie” firmati da donne e madri.
“In un Paese normale un fatto del
genere  non avrebbe certo creato scalpore. Evidentemente l’Italia non è un
Paese normale”: commenta con un po’ di amarezza Schiavon. “Conoscevo la donna
da precedenti esperienze  professionali e  le sue competenze
combaciavano con quanto stavamo cercando. La sua presenza nel nostro nuovo team
di lavoro era la ciliegina sulla torta.  E, quando, all’ultimo colloquio
di fine novembre, ci ha fatto sapere di essere al settimo mese di gravidanza,
abbiamo valutato la cosa con il contitolare dell’agenzia e deciso che l’avremmo
assunta e attesa per qualche mese. Abbiamo scelto di investire in Martina
perché è brava. Punto e basta. Non siamo né eroi, né dei benefattori”.



E la maternità? Non è un
problema, anzi. Schiavon confessa che alla moglie due anni fa non venne
rinnovato un contratto di lavoro in concomitanza della sua gravidanza. “Lo so bene
che tanti imprenditori italiani vedono le maternità come il fumo negli occhi e
licenziano, o non assumono le donne in attesa di un bimbo. A me, invece, non è
mai passato per la mente un pensiero del genere: se un dipendente vale, vale e
basta; se poi è felice per il lieto evento, com’è una nascita di un figlio,
tutto di guadagnato. Io vivo per la mia famiglia e non vedo l’ora di tornare a
casa per rivedere mia moglie e mia figlia”. E conclude: “Spero che questo gesto
sia d’esempio per altri. Le leggi a tutela della maternità non mancano nel
nostro Paese, è forse questione di cultura”.



E noi siamo d’accordo con lui: in
Italia la maternità per una donna che cerca un lavoro o che già lavora sembra
essere una condanna a morte. A quante donne è stato intimato di non avere figli
dai propri datori di lavoro? A quante altre sono state imposte le cosiddette
“dimissioni in bianco” una volta arrivata una gravidanza? Tante , troppe,
ancora. Attendiamo il giorno in cui  a far clamore  siano solo questi
squallidi comportamenti e non più l’assunzione di Martina.

Alberto Laggia



Image
Ingrandisci

laggia

CAV CENTRO PER LA VITA SAVIGLIANO utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento